Yoga

 

 

Il corso di yoga si svolgerà il Venerdi dalle 19.00 alle 21.00

 

LE LEZIONI
Le lezioni sono aperte a tutti coloro che vogliono intraprendere un percorso di avvicinamento a questa disciplina e, di conseguenza, a se stessi.
Nelle due ore di lezione si susseguiranno momenti diversi: una parte dedicata alle asana, ovvero lenti movimenti fisici di apertura, torsione, piegamenti in avanti e stiramenti dolci attraverso cui sciogliere le tensioni fisiche ma anche quelle psico-emotive. Poi, di volta in volta, ci concentreremo su diversi pranayama (che ad un livello prettamente basilare posso essere definiti tecniche di respirazione profonda).  Alcuni momenti saranno dedicati alla ripetizione di Mantra o al canto dei Bhajan accompagnati dal suono dell’harmonium e delle percussioni. Infine ci concederemo al rilassamento guidato.
Brevi assaggi di meditazione e pochi cenni di teoria, utili per la contestualizzazione e la comprensione, caratterizzaranno ogni incontro.

LA DISCIPLINA
“Lo Yoga non è un antico mito sepolto nell’oblio. È l’eredità più preziosa del presente. È il bisogno essenziale dell’oggi e la cultura di domani”
[Swami Satyananda Saraswati]

Lo yoga agisce su tutti gli aspetti della persona: fisico, mentale, emozionale, psichico e spirituale.
La parola yoga significa “unità” o “unicità” e deriva dalla parola sanscrita yuj che significa “unire”. Questa unità o unione viene descritta in termini spirituali come l’unione della coscienza individuale con la coscienza universale. Ad un livello più pratico, lo yoga è un mezzo per equilibrare ed armonizzare il corpo, la mente e le emozioni. Questo si ottiene attraverso le pratiche di Asana, Pranayama, Mudra, Bhanda, Shatkarma e Meditazione.
La scienza dello yoga inizia ad agire sull’aspetto più esteriore della personalità: il corpo fisico. Quando uno squilibrio viene sperimentato a questo livello, gli organi, i muscoli e i nervi non funzionano più in armonia, piuttosto agiscono contrastandosi uno con l’altro.
Lo yoga mira a portare le diverse funzioni organiche ad una perfetta coordinazione affinchè possano lavorare per il benessere di tutto il corpo.
Dal corpo fisico lo yoga si rivolge al livello mentale ed emozionale.
Molte persone soffrono di fobie e nevrosi come conseguenza dello stress e delle interazioni della vita quotidiana. Lo yoga non può fornire una cura per la vita ma rappresenta un metodo efficace per affrontarla. Swami Shivananda di Rishikesh spiegava lo yoga come una “integrazione ed armonia tra pensiero, parola ed azione,  o integrazione tra testa, cuore e mano”. Attraverso le pratiche di yoga si sviluppa la consapevolezza dell’interrelazione tra la dimensione emozionale, mentale e fisica, e di come un disturbo qualsiasi in uno di questi livelli influenzi gli altri. Gradualmente questa consapevolezza porta ad una comprensione delle aree più sottili dell’esistenza.
[Asana, Pranayama, Mudra, Bhanda. Swami Satyananda Saraswati]

Lo yoga è una rigorosa autodisciplina che insegna a conoscere se stessi, con tutte le possibilità e tutti i limiti propri di ogni individuo; è una via che ognuno può percorrere, una via che si apprende comuque solo attraverso la pratica costante e quotidiana.
Questa disciplina mette la persona in grado di partire da sè, dal suo corpo, dal suo respiro, dalla sua mente, per poter agire su tutto ciò che la circonda.
Erroneamente vista e interpretata da molti come una tecnica puramente individualistica, insegna in realtà che la forza acquisita dal singolo si propaga naturalmente a tutti quelli che lo circondano, fino alla comunità in cui vive.
Un errore ricorrente, soprattutto in Occidente, è quello di dividere lo Yoga in tante differenti correnti che creano nel neofita solo una gran confusione.
E’ fondamentale, per chi si avvicina alla disciplina, decidere di accettare ciò che avviene, diventare semplicemente osservatori attenti e silenziosi di se stessi, non voler affrettare i tempi, che devono essere necessariamente lenti, proprio come necessariamente lenta è l’esecuzione di ogni esercizio Yoga. Non bisogna neppure crearsi false illusioni di raggiungere chissà quale alta vetta, magari tenendo ben presente che “non è importante fare dei passi che un giorno ci condurranno al fine, ognuno di questi passi deve essere in se stesso una meta”.
[Yogi Pranidhana]

I corsi sono gratuiti e aperti a tutti.
Per info e iscrizioni scrivere a sosfornace@inventati.org